Archivi

La ricerca della sposa perfetta

INFORMAZIONI GENERALICopertina del libro "La ricerca della sposa perfetta"
– autrice: Virginia Heath
– titolo italiano: La ricerca della sposa perfetta
– titolo originale: The Discerning Gentleman’s Guide
– anno di pubblicazione in Italia: 2017
– casa editrice: Harper Collins
– collana: Harmony History 
scarica l’e-book

TRAMA
Inghilterra, XIX sec. – Bennet Montague, Duca di Aveley, sta cercando la sposa perfetta seguendo le indicazioni del padre defunto. Come lui, sente il dovere di servire la patria e ha bisogno di una donna che sia all’altezza di essere la moglie di un Primo Ministro. Peccato che nessuna delle potenziali fanciulle inserite nella sua lista gli susciti il minimo interesse o la minima emozione. La sola donna che ha quell’effetto su Bennet è l’improbabile dama di compagnia di sua zia, Miss Amelia Mansfield, una brunetta impertinente e deliziosa, che osa sfidare le sue opinioni radicate e tormenta i suoi sogni. Abbandonata dal padre aristocratico, Amelia odia tutti nobili, che ritiene responsabili della povertà e dell’ingiustizia che anche lei ha subito. L’ultimo uomo che vorrebbe sposare è uno di loro ma quando è costretta a…

RECENSIONE
Amelia e Bennet sembrano avere personalità agli estremi opposti, e fin da subito li ho trovati interessanti.
In particolare Bennet mi ha più volte intenerita, proprio per la sua incapacità di esternare le emozioni e per la sua adorabile goffaggine, che cerca di celare dietro a un atteggiamento austero.
Proseguendo la lettura, si assiste all’avventuroso e sempre gradevole avvicinamento dei protagonisti.
La vera originalità di questo romanzo risiede nel fatto che l’autrice impegna buona parte della trama a illustrare le condizioni disagiate della popolazione indigente di Londra e a denunciare la totale cecità, per non dire voluta ottusità, delle classi agiate in proposito. Senza contare il modo più o meno sottilmente canzonatorio con cui descrive le regole d’etichetta cui si attiene l’alta società.
I personaggi secondari che ho preferito sono l’impertinente Lovett e Sir George.

GIUDIZIO
7 e 1/2 su 10