Archivi

Un incantevole aprile

INFORMAZIONI GENERALI
– autrice: Elizabeth Von Arnim
– titolo originale: The Enchanted April
– anno di pubblicazione digitale (versione integrale) in Italia: 2017
– casa editrice: Fazi Editore
e-book: Un incantevole aprile

TRAMA
In un club della Londra anni Venti due signore inglesi scoprono di essere accomunate da una vita amorosa insoddisfacente, molto diversa da quella che avevano sognato il giorno del matrimonio. Mrs Wilkins, timida e repressa, è sposata con un avvocato ambizioso che «lodava la parsimonia tranne quando si trattava del cibo che finiva nel suo piatto»; Mrs Arbuthnot, estremamente religiosa, è sposata a uno scrittore di biografie sulle amanti dei re: per una donna come lei, una cosa davvero sconveniente. Insieme decidono di rispondere a un annuncio per l’affitto di un castello a San Salvatore, piccola cittadina della Liguria, per tutto il mese di aprile. A loro si uniscono Mrs Fisher, un’anziana signora che incarna appieno la morale vittoriana nel portamento, nelle amicizie e nella rigida etichetta che esige sia rispettata, e Lady Caroline, giovane ereditiera di una bellezza sopraffina in cerca di requie dalla vita mondana e dagli innumerevoli spasimanti. Le quattro donne, che si conoscono a malapena, si lasciano così alle spalle la grigia e piovosa Inghilterra per godersi un mese di vacanza in Italia. Immergendosi nel calore della primavera italiana e nella bellezza placida del luogo, avvolte nei profumi dei glicini e dei narcisi che aiutano a mettersi a nudo, le signore imparano ad apprezzarsi, mentre ognuna, a turno, sboccia e ringiovanisce, riscoprendo l’amore e l’amicizia, ritrovando la speranza.

RECENSIONE
Un romanzo di arguta introspezione e di urbano umorismo, in cui quattro donne cambiano radicalmente la loro visione della vita trascorrendo un mese di vacanza in un paesaggio da sogno.
La trama è lineare ed essenziale, perché la maggior parte del libro riguarda l’interiorità e le riflessioni delle quattro donne. La mia preferita è la visionaria Mrs Wilkins, che prima di tutte si accorge di quanto è potente lo splendore della natura e realizza che l’amore è un dono da elargire incondizionatamente.
L’agilità con cui la scrittrice si destreggia tra i pensieri delle protagoniste e la vividezza con cui dipinge le loro emozioni danno vita a un delizioso romanzo intimista.
Unica pecca? Il finale davvero troppo brusco.

Il film del 1993 tratto dal libro è molto piacevole e gli attori sono adattissimi ai ruoli che interpretano, ma riesce ad aprire solo un piccolo spiraglio sul panorama interiore delle quattro donne, mentre il libro spalanca la porta su questo panorama e ne descrive appieno la complessità.

GIUDIZIO
8 e 1/2 su 10