Archivi

L’amore è sempre in ritardo

INFORMAZIONI GENERALICopertina del libro "L'amore è sempre in ritardo"

– autrice: Anna Premoli
– titolo: L’amore è sempre in ritardo
– anno di pubblicazione: 2018
– casa editrice: Newton Compton Editori
scarica l’e-book

TRAMA

I primi amori sono di solito un dolce ricordo, capace di far sorridere. Non per Alexandra Tyler: Norman Morrison, il migliore amico di suo fratello Aidan, l’ha rifiutata senza tante cerimonie dopo che lei ha trascorso l’adolescenza a corteggiarlo e a comporre per lui terribili lettere d’amore in rima. Ogni volta che lo vede – anche ora che è una donna adulta e sta finendo un dottorato in Geologia alla Columbia – non riesce proprio a controllare il malumore. Le sue storie sentimentali sono state tutte un fallimento. E la colpa, secondo Alex, è proprio di Norman. Quando, stanca di incontri poco entusiasmanti, decide di prendersi una sacrosanta pausa dal complicato mondo degli appuntamenti, Norman, altrettanto stufo di pranzi tesi in casa Tyler, le propone una tregua: lasciarsi il passato alle spalle e provare a comportarsi in modo almeno amichevole. Alex non può tirarsi indietro di fronte a quella che per lei suona quasi come una sfida: trattarlo in modo cordiale in fondo non dovrebbe essere così difficile. O almeno, questo è quello che crede…

RECENSIONE

La storia va a passo di lumaca, le dinamiche tra Alex e Norman tendono a ripetersi e, anche quando sembra che ci sia un colpo di scena, la situazione alla fine non cambia. Solo nelle ultime pagine le cose si fanno emozionanti.
I protagonisti mi sono piaciuti e penso davvero che avessero un grande potenziale. Purtroppo, le vicende in cui sono stati inseriti non mi hanno soddisfatta, al punto che non riuscita a sentire la minima empatia verso nessuno dei personaggi.
Sicuramente L’amore è sempre in ritardo non è un romanzo che rileggerò.

GIUDIZIO

5 su 10

Non ho tempo per amarti

INFORMAZIONI GENERALICopertina del libro "Non ho tempo per amarti"
– autrice: Anna Premoli
– titolo: Non ho tempo per amarti
– anno di pubblicazione: 2018
– casa editrice: Newton Compton Editori
scarica l’e-book

TRAMA
Julie Morgan scrive romanzi d’amore ambientati nell’Ottocento. Di quell’epoca ama qualsiasi cosa: i vestiti lunghi, gli uomini eleganti, le storie romantiche che nascono grazie a un gioco di sguardi o al semplice sfiorarsi delle mani… L’unica cosa che salva del mondo di oggi è lo shopping online, che le permette di non mettere il naso fuori dal suo amatissimo e solitamente silenzioso appartamento. Almeno finché – proprio al piano di sopra – non arriva un misterioso inquilino: un ragazzo strano, molto giovane e vestito in un modo che a Julie fa storcere il naso. È davvero un bene che lei sia da sempre alla ricerca di un uomo d’altri tempi, perché il suo vicino, decisamente troppo moderno, potrebbe rivelarsi ben più simpatico di quanto avrebbe mai potuto sospettare…

RECENSIONE
Ecco un romanzo accattivante che richiede di essere letto tutto d’un fiato!
L’incontro tra i due protagonisti avviene nelle primissime pagine e la dinamica che si instaura tra loro mi ha subito rapita.
Terrence è un sogno e il suo comportamento fa sospirare pagina dopo pagina. Non mancano dubbi, indecisioni, incomprensioni, ma i momenti romantici e la sintonia tra i protagonisti vincono su tutto.
La Premoli ha scelto coppia diversa dal solito e questa decisione mi è piaciuta tantissimo: il messaggio è che l’amore può essere così forte da far crollare ogni barriera, anche quelle culturali più radicate.
I personaggi secondari hanno conferito ulteriore colore alla storia, in particolare modo la vicina di casa impicciona e bisbetica e le inseparabili amiche di Julie (Audrey è senza dubbio la mia preferita).
Non ho tempo per amarti mi è piaciuto molto e sicuramente lo rileggerò in futuro.

GIUDIZIO
8 su 10

Finché amore non ci separi

INFORMAZIONI GENERALICopertina del libro "Finché amore non ci separi"
– autrice: Anna Premoli
– titolo: Finché amore non ci separi
– anno di pubblicazione: 2014
– casa editrice: Newton Compton Editori
scarica l’e-book

TRAMA
Amalia Berger è un affermato avvocato newyorkese, nota nel foro come “la regina di ghiaccio”. I ricchissimi genitori però le riservano da sempre poche attenzioni. Ryan, di origini irlandesi, è il maggiore di quattro figli maschi e la sua caotica famiglia gestisce un tipico pub nel cuore della Grande Mela. I due si sono conosciuti alla scuola di legge di Yale, dove è nata la loro reciproca antipatia. Amalia è poi rimasta a New York, mentre Ryan ha fatto carriera a Chicago. Finché un giorno, l’offerta di un posto da vice procuratore lo riporta a New York. Il primo caso che si trova ad affrontare sembra davvero banale: l’arresto per guida in stato di ebbrezza di una ragazza dell’alta società. Ma quel che appare semplice, si può complicare inaspettatamente, se per esempio l’avvocato difensore della ragazza è proprio quella Amalia Berger, che Ryan non vede da almeno dieci anni… Lo scontro in aula degenera a tal punto che il giudice condanna entrambi a una pena esemplare, che li costringerà a trascorrere parecchio tempo insieme. E cosa può accadere se due persone che si detestano dal profondo del cuore sono costrette dalla legge a collaborare?

RECENSIONE
Mi piacciono le storie d’amore che partono da un feroce antagonismo, in particolare quando è chiaro che gli scontri verbali tra i due protagonisti celano in realtà una forte attrazione.
Purtroppo Ryan non mi ha coinvolta più di tanto, per quanto bello sia, perché nei momenti decisivi dimostra meno coraggio di Amalia e non si rivela molto intuitivo.
Alcuni personaggi secondari sono di tutto rispetto, come l’arzilla Jackie e, soprattutto, il diabolico e ironico giudice Wyatt.

Il prologo e l’epilogo sono davvero originali, e il passaggio alla terza persona è una gradita novità, soprattutto perché consente l’accesso all’introversa mente del protagonista maschile.

In definitiva Finché amore non ci separi è un romanzo gradevole, che offre qualche ora di intrattenimento.

GIUDIZIO
7 su 10

Come inciampare nel principe azzurro

INFORMAZIONI GENERALICopertina del libro "Come inciampare nel principe azzurro"
– autrice: Anna Premoli
– titolo: Come inciampare nel principe azzurro
– anno di pubblicazione: 2013
– casa editrice: Newton Compton Editori
scarica l’e-book

TRAMA
Quale ragazza non sogna di sfondare nel proprio lavoro sfruttando la possibilità di trascorrere un anno all’estero? È proprio questa la grande opportunità che un giorno si presenta a Maddison: ma l’inaspettata promozione arriva sotto forma di un trasferimento dall’altra parte del mondo, in Corea del Sud! Maddison, però, è solo all’apparenza una donna in carriera. In realtà è molto meno motivata delle sue colleghe e per nulla attratta dall’idea di stravolgere la sua vita. Come è possibile che abbiano pensato proprio a lei, che del defilarsi ha fatto da sempre un’arte, che ha il terrore delle novità e di mettersi alla prova? Una volta arrivata in Corea, il suo capo, occhi a mandorla e passaporto americano, non le rende neanche facile adattarsi al nuovo ambiente. Catapultata in un mondo inizialmente ostile, di cui non conosce nulla, di cui detesta le abitudini alimentari e non solo, Maddison si vedrà costretta a tirar fuori le unghie e a crescere una volta per tutte. E non è detto che sulla sua strada non si trovi a inciampare in qualcosa di bello e del tutto imprevisto!

RECENSIONE
La trama è identica a quella di Ti prego, lasciati odiare (due colleghi di lavoro, Maddison e Mark, sono attratti l’una dall’altro, lei nega l’evidenza, mentre lui fa di tutto per stare con lei), ma il risultato è una sua brutta copia.
Si capisce che l’autrice ha cercato di rendere meno evidente la palese somiglianza con il suo primo libro collocando quasi tutta la trama a Seul, ma rimane comunque l’impressione di trovarsi di fronte a una ripetizione: l’ambiente in cui lavorano i protagonisti è anche qui quello finanziario; lui cerca costantemente nuove occasioni per stare con lei; c’è sempre la presenza ingombrante delle famiglie di entrambi; anche qui verso la fine si viene a creare un distacco tra i due, e sarà proprio questo il momento in cui la donna accetterà i propri sentimenti e l’uomo troverà la risolutezza per dichiararsi apertamente.
I dialoghi puntano anche stavolta sulle battutine ironiche, ma senza lo stesso successo del romanzo d’esordio, per non parlare del fatto che pure questo è scritto in prima persona.

Il finale mi è parso frettoloso, non solo per quanto riguarda la storia d’amore, ma anche per il fatto che la protagonista, da scansafatiche cronica, diventa un’appassionata del proprio lavoro nel giro di due righe. Avrei gradito un cambiamento più graduale e verosimile per l’aspetto professionale e un percorso verso il lieto fine amoroso meno simile a quello del romanzo precedente.

L’autrice ha perso l’originalità e la freschezza mostrate in Ti prego, lasciati odiare, anche se il risultato è comunque qualche ora di svago.
Spero che le sue prossime pubblicazioni presentino una trama diversa.

GIUDIZIO
6 su 10

Ti prego, lasciati odiare

INFORMAZIONI GENERALICopertina del libro "Ti prego, lasciati odiare"
– autrice: Anna Premoli
– titolo: Ti prego, lasciati odiare
– anno di pubblicazione: 2013
– casa editrice: Newton Compton Editori
– vincitore Premio Selezione Bancarella 2013
scarica l’e-book

TRAMA
Londra, giorni nostri. Jennifer e Ian si conoscono da sette anni e gli ultimi cinque li hanno passati a farsi la guerra. A capo di due diverse squadre nella stessa banca d’affari, tra di loro la competizione è altissima e i colpi bassi e le scorrettezze non si contano. Si detestano, non si sopportano, e non fanno altro che mettersi i bastoni fra le ruote. Finché un giorno, per caso, i due sono costretti a lavorare a uno stesso progetto: la gestione dei capitali di un facoltoso e nobile cliente. E così si ritrovano a passare molto del loro tempo insieme, anche oltre l’orario d’ufficio. Ma Ian è lo scapolo più affascinante, ricco e ambito di tutta Londra e le sue accompagnatrici non passano mai inosservate: basta un’innocente serata trascorsa a uno stesso tavolo perché lui e Jennifer finiscano sulle pagine di gossip di un giornale scandalistico. Lei è furiosa: come possono averla associata a un borioso, classista e pallone gonfiato come Ian? Lui è divertito, ma soprattutto sorpreso: le foto con Jenny hanno scoraggiato tutte le sue assillanti corteggiatrici. E allora si lancia in una proposta indecente: le darà carta bianca col facoltoso cliente se lei accetterà di fingersi la sua fidanzata. Sfida accettata e inizio del gioco! Ma ben presto portare avanti quello che per Jenny sembrava un semplice accordo di affari si rivela più complicato del previsto.

RECENSIONE
Appena ho iniziato questo libro, non sono più riuscita a staccarmene! Come mai?

La trama è banale e si capisce ancora prima di iniziare a leggere quale sarà il finale. Quello che rende il romanzo speciale e indimenticabile è invece il modo in cui l’autrice ha sviluppato la storia: dialoghi frizzanti, pungenti battute e momenti di intenso e raffinato romanticismo sono stati gli ingredienti che mi hanno fatto collocare il romanzo tra i miei preferiti.

Sono decisamente di parte perché ho una spiccata predilezione per i duchi e, più in generale, per gli uomini che prendono l’iniziativa e non lasciano alla donna l’onere di portare avanti il corteggiamento; perché adoro le storie in cui un’accesa ostilità è sintomo di una passione bruciante e perché mi piace quando l’apparente diversità dei protagonisti cela personalità molto in sintonia tra loro.
I pregi di questo libro sono molteplici, ma forse quello maggiormente degno di nota è la maestria dell’autrice nel delineare con assoluta verosimiglianza e profondità le mille sfaccettature caratteriali dei protagonisti, condendo il tutto con uno squisito tocco di umorismo.

GIUDIZIO
10 su 10