Archivi

Alakim. Luce dalle tenebre

INFORMAZIONI GENERALI
– autrice: Anna Chillon
– anno di pubblicazione: 2013
– casa editrice: Loquendo Editrice
– e-book: Alakim. Luce dalle Tenebre

TRAMA
Alakim è un permanente divorato da una fame crudele. Reietto in cielo e braccato in terra da una schiera di guerrieri immortali, condivide il suo rifugio sotterraneo con due Nephilim, abili combattenti e fedeli compagni nella sorte.
Di giorno è costretto all’oscurità, mentre la notte si aggira per le vie di una Marsiglia trasgressiva, in cerca di un modo per assolvere al patto stretto con Lucifero. È proprio durante questa ricerca che un prete dalle eccezionali capacità sensitive gli suggerisce un antico testo custode di segreti proibiti, portandolo così a imbattersi in Nicole, una giovane libraia animalista.
La ragazza ingaggia una lotta impari per non venire travolta dall’indole tenebrosa di Alakim e dal suo spiccato gusto per la malvagità, ma l’ardore che scocca tra loro rapisce corpo e mente, lasciandola senza via di fuga, sopraffatta dall’impetuosità dell’immortale e dalla scoperta di una realtà troppo grande da accettare: una realtà per la quale occorre avere fede.
Così, in un susseguirsi di eventi inaspettati, mettendo a rischio la propria esistenza, i suoi amici e Nicole stessa, Alakim fa di tutto per dare a Lucifero ciò che gli spetta, lottando, tracciando la sua strada nel sangue e spingendosi oltre i limiti.
Perché avere una possibilità di scelta è l’unica cosa cui non è disposto a rinunciare, anche se quello da pagare è un inimmaginabile prezzo.

RECENSIONE
La storia è originale e avvincente.
Sia i personaggi principali sia quelli secondari sono ben delineati e rimangono impressi per il loro fascino peculiare. Ho apprezzato soprattutto Alakim, scisso nella personalità, acuto e aperto nella visione del mondo e perennemente anelante alla libertà, e Muriel, così profondo, raffinato e a tratti perverso.

Se non fosse stato per la consecutio temporum errata in diversi passaggi e per il finale insulso e inappagante, sarebbe stato davvero un gran bel libro.

GIUDIZIO
7 e 1/2 su 10