Sommo rammarico

Alle gentili compagne di lettura che frequentano il mio blog, annuncio con estremo rammarico che devo interrompere per circa due mesi le attività del sito.
Per fortuna o purtroppo, a seconda dei punti di vista, è uscito proprio in questo periodo un concorso pubblico a cui sono interessata, quindi passerò ogni minuto che posso a studiare.
Mi dispiace di interrompere per un po’ le mie amate letture e di non conversare con chi mi segue di solito, ma sappiate che, ovviamente, non è un’interruzione eterna!
Grazie per la comprensione e a prestissimo!!!

L’ultima notte al mondo

INFORMAZIONI GENERALICopertina del libro "L'ultima notte al mondo"
– autrice: Bianca Marconero
– titolo: L’ultima notte al monto
– anno di pubblicazione: 2017
– casa editrice: Newton Compton Editori
scarica l’e-book

TRAMA
Quante volte ci si può innamorare della stessa persona?
Marco Bertani ha ventitré anni, alle spalle un’adolescenza tutt’altro che semplice e davanti a sé un futuro nel quale potrà contare solo su se stesso. Un giorno inaspettatamente si imbatte in Marianna Visconti, ex compagna del liceo e amore non corrisposto della sua vita. I loro mondi non potrebbero essere più lontani: Marianna, dopo aver studiato negli Stati Uniti, sta facendo pratica legale presso il prestigioso studio di un amico di famiglia, mentre Marco sbarca il lunario lavorando come operatore per una rete televisiva locale. Quando però le viene prospettata l’occasione di condurre un programma ideato proprio da lui, Marianna decide di accettare la sfida, convinta che così potrà dimostrare a Luca, il fidanzato con cui è in crisi, di cosa è capace: lei e Marco si troveranno quindi a lavorare gomito a gomito e scopriranno di non essere poi così diversi come credevano…

RECENSIONE
L’ultima notte al mondo mi ha travolta fin dalla prima pagina.
L’alternanza di Marco e Marianna come voci narranti rende in maniera estremamente efficace la profondità dei sentimenti che ciascuno dei due prova, e l’autrice è stata abile nell’adottare un opportuno cambio di registro a seconda di chi racconta.
La storia è così coinvolgente che l’ho letta tutta d’un fiato. Il passato di Marco e Marianna, le situazioni familiari antitetiche in cui sono cresciuti, i sentimenti e le sensazioni che provano così intensi mi hanno tenuta in trepidazione fino alla fine.
L’autrice eccelle nel descrivere come l’ambiente in cui le persone crescono influenzi per lo più la loro personalità: i pregiudizi attecchiscono sempre dove c’è terreno fertile e la verità trionfa solo dove c’è chi è in grado di comprenderla.
Complimenti all’ammaliante penna di Bianca Marconero, leggerò senz’altro gli altri suoi scritti.

GIUDIZIO
9 su 10

Buonanotte amore mio

INFORMAZIONI GENERALICopertina del libro "Buonanotte amore mio"
– autrice: Daniela Volonté
– titolo: Buonanotte amore mio
– anno di pubblicazione: 2015
– casa editrice: Newton Compton Editori
scarica l’e-book

TRAMA
Valentina Harrison lavora a Milano, in un’agenzia pubblicitaria internazionale. È intelligente e precisa, ma poco appariscente, per questo passa spesso inosservata. Non ha alcuna passione per i bei vestiti, i tacchi, le borse, lo shopping in generale e, pur amando la città, preferisce vivere in un tranquillo paesino di provincia.
James Spencer, affascinante e snob, vive negli Stati Uniti. Quando un problema mette in crisi l’agenzia e lui viene convocato a Milano per risolverlo, i due, opposti in tutto, si conoscono. Il loro primo incontro si rivela un totale insuccesso: James è un uomo che cura l’aspetto fisico e la sciatteria di Valentina lo innervosisce, in più è burbero e le si rivolge con poco garbo. Lei, invece, è gentile, dolce e attenta ai piccoli ma essenziali gesti. Eppure, sin da subito cade vittima del suo fascino. L’obiettivo di James è salvare l’agenzia dai guai in cui versa e, consapevole dell’affidabilità di Valentina, decide di coinvolgerla per raggiungere l’importante meta professionale. Ma questa collaborazione forzata farà assumere al loro rapporto sfumature davvero inaspettate…

RECENSIONE
La segretaria anonima che si innamora dell’aitante capo donnaiolo è uno dei cliché più usati, ma il vero problema di questo libro non è l’assenza di originalità.
Quello che mi ha lasciata basita è che James inizia a nutrire interesse per Valentina proprio quando scopre che la pronuncia che la donna ha di certe parole gli ricorda distintamente la pronuncia della madre perduta: rendere così esplicito un complesso edipico mai superato ha conferito alla relazione tra i due protagonisti una nota morbosa assolutamente superflua. Se non altro, la storia ha smesso di essere così banale.
Il colpo di scena finale pare un’aggiunta posticcia e nient’affatto indispensabile ai fini dello sviluppo della trama.
Buonanotte amore mio non mi ha entusiasmata.

GIUDIZIO
5 su 10

Quando la sventura imperversa

Copertina del libro "Ti amo per caso" di Brittainy C. CherryIo non ho mai scritto un libro, ma non credo che sia facile far confluire in un tutto armonico e avvincente sintassi fluida, grammatica corretta e fantasia piacevole.
Proprio per rendere onore al lavoro di ogni autore, anche se nel prologo di un romanzo trovo qualcosa che non mi convince o, persino, non mi piace, proseguo comunque con la lettura almeno per qualche altro capitolo, giusto per vedere se si tratta di un’incompatibilità vera tra me e il libro o se è un’idiosincrasia confinata alle prime pagine.

Un’eccezione clamorosa alla mia filosofia di lettura è rappresentata da Ti amo per caso di Brittainy C. Cherry (ecco l’e-book).
Quest’autrice, per creare le premesse emotive sulle quali edificare la storia d’amore, ha scelto di fare una strage.
Nel prologo ha fatto morire la moglie e il figlioletto del protagonista (Tristan), mentre nel primo capitolo ha annunciato che la protagonista (Elizabeth) non solo è orfana di padre, ma è anche vedova.
E, quando è giunto il momento di ideare un modo per far incontrare Tristan ed Elizabeth, su cui la mala sorte si è già accanita, la Cherry decide di sacrificare per l’occasione un’altra vittima innocente: il cane del protagonista.
Quello è il punto in cui ho interrotto la lettura, perché quando è troppo è troppo.

È ragionevole, da parte di un autore, pensare che se i personaggi principali del romanzo hanno perso qualcuno, allora il lettore proverà per loro un’innata simpatia, ma la Cherry ha decisamente calcato la mano nel cercare di rendere benvoluti i suoi protagonisti: un lutto suscita compassione, quattro sono indice di una certa mancanza di fantasia. Il sacrificio dell’animale, poi, sfiora il farsesco.

Non dubito che la storia d’amore prosegua grandiosa e coinvolgente, ma non lo saprò mai con certezza, perché il mio senso di empatia è degenerato in una risata incredula e sono passata a leggere qualcos’altro.

A voi è mai capitato di interrompere la lettura di un libro quasi all’inizio? Mi piacerebbe proprio sapere se ci sono altre lettrici interrotte come me e quali sono i libri in questione.

Un imprevisto chiamato amore

INFORMAZIONI GENERALICopertina del libro "Un imprevisto chiamato amore"
– autrice: Anna Premoli
– titolo: Un imprevisto chiamato amore
– anno di pubblicazione: 2017
– casa editrice: Newton Compton Editori
scarica l’e-book

TRAMA
Jordan ha collezionato una serie di esperienze disastrose con gli uomini. Consapevole di avere una sola caratteristica positiva dalla sua parte, ovvero una bellezza appariscente e indiscutibile, è arrivata a New York intenzionata a darsi da fare per realizzare il suo geniale piano. Il primo vero progetto della sua vita, finora disorganizzata: sposare un medico di successo. Jordan ha studiato la questione in tutte le sue possibili sfaccettature e, preoccupata per le spese da sostenere per la madre malata, si è convinta di poter essere la perfetta terza moglie di un primario benestante piuttosto avanti con gli anni. Ma nel suo piano perfetto non era previsto di svenire, il primo giorno di lavoro nella caffetteria di fronte all’ospedale, ai piedi del dottor Rory Pittman. Ancora specializzando, per niente ricco, molto esigente e tutt’altro che adatto per raggiungere il suo obiettivo…

RECENSIONE
La Premoli mi ha stupita proponendo una protagonista diversa dalle sue solite: non la classica donna in carriera, ma una ragazza che si sottostima, con una pesante responsabilità a cui far fronte e che si mette dichiaratamente in cerca di un marito danaroso. Jordan è una figura femminile un po’ anacronistica, ma mi ha conquistata con la sua schiettezza, la sua fragilità e la sua forza orgogliosa.
Rory è un moderno principe azzurro senza macchia e senza paura ma, invece di salvare la protagonista, fa qualcosa di meglio: le dà la forza di salvarsi da sola.
Ho molto apprezzato i riferimenti letterari contenuti nel libro e lo scanzonato punto di vista di Jordan in proposito.
Un aspetto che ho trovato interessante è stata la critica al sistema sanitario statunitense, che è la base su cui la Premoli ha edificato l’intera storia.
Ho adorato questo romanzo dall’inizio alla fine e l’ho letto senza sosta fino all’ultima pagina.

GIUDIZIO
9 su 10

Ho il tuo numero

INFORMAZIONI GENERALICopertina del libro "Ho il tuo numero"
– autrice: Sophie Kinsella
– titolo italiano: Ho il tuo numero
– titolo originale: I’ve Got Your Number
– anno di pubblicazione in Italia: 2012
– casa editrice: Mondadori
scarica l’e-book

TRAMA
Cosa accade se ti scippano il telefonino e tutta la tua vita è lì dentro? Ti senti persa, naturalmente. È quello che capita a Poppy, una scombinata fisioterapista prossima alle nozze con un affascinante docente universitario. Proprio quando il telefono le serve per una faccenda a dir poco urgente! Perché tra le altre cose, nel bel mezzo di una festa con le amiche ha appena perso il suo prezioso anello di fidanzamento, uno smeraldo come non ne ha mai visti nella sua intera esistenza. Poppy è nel panico, e mentre cerca affannosamente l’anello perduto cosa vede in un cestino dei rifiuti? Un cellulare nuovo di zecca che sembra aspettare proprio lei. È un attimo. Ed è suo. Non può permettersi il lusso di rimanere scollegata, non in questo momento. Ma di chi è quel telefono? E a cosa si riferiscono gli strani messaggi che riceve? Poppy non ha il tempo di farsi troppe domande. Ha un anello da ritrovare, un matrimonio da organizzare e qualche cosuccia in sospeso con i suoi futuri suoceri. Ma non sa che quel telefono e lo sconosciuto con cui si troverà a condividerlo le metteranno a soqquadro la vita…

RECENSIONE
Alcune vicende di questo romanzo sono inverosimili (come il fatto di lasciare un cellulare con informazioni aziendali riservate in mano a una perfetta sconosciuta), ma la bravura della Kinsella risiede proprio nel fatto che ha reso appassionanti anche quelle vicende, grazie alla sua scrittura semplice e al tempo stesso magnetica.
In un modo del tutto anomalo, si instaura una sorta di dialogo tra Poppy e Max, che entrano in contatto per puro caso. Ho trovato divertentissimo quello che accade durante il loro primo incontro.
La storia mantiene sempre un ritmo serrato e, tra la pianificazione di un matrimonio e un grosso intrigo aziendale, si sviluppa un’imprevedibile sintonia tra i due protagonisti.
Ho il tuo numero non è un libro particolarmente romantico, anche se una storia d’amore non manca. La narrazione si concentra più che altro su Poppy e sull’influsso che Max avrà sul suo approccio alla vita: l’autrice regala interessanti spunti per riflessioni anche profonde, come ad esempio il fatto che talvolta è la scarsa autostima a rendere le persone insicure, non una reale mancanza di potenziale.
Nel complesso si tratta di un romanzo avvincente.

GIUDIZIO
8 su 10

Letture di novembre

In questo uggioso mese, ho in programma di leggere Un imprevisto chiamato amore di Anna Premoli, segnalatomi da Laila tempo fa. La trama mi affascina, perché descrive un modello di donna che si allontana da quelli solitamente privilegiati da questa autrice: la protagonista non è la classica donna in carriera che sa quello che vuole, ma è un’arrampicatrice sociale dichiarata. Sarà interessante vedere come l’amore cambierà i suoi programmi!

Visto che della Kinsella mi sono piaciuti i libri che ho recensito sinora (e che Francesca mi ha gentilmente suggerito), perché non continuare a leggerla? Ho il tuo numero sarà il prossimo.

Un’autrice di cui non ho mail letto nulla é Daniela Volonté, che ha al suo attivo una mezza dozzina di romanzi ben recensiti. Ho quindi pensato di iniziare da Buonanotte amore mio, la cui sinossi mi ispira.

Mi sono ritrovata per puro caso a leggere la trama de L’ultima notte al mondo di Bianca Marconero ed è scattata la scintilla. Si tratta di un’autrice che non conosco e non vedo l’ora di rimediare a questa lacuna.

Il 21 di questo mese uscirà Buonanotte a chi non c’è di Angela White, la romantica storia tra un violinista e una collezionista di oggetti di valore ambientata nella Londra dei giorni nostri. Sono molto curiosa di leggerlo, perché è il primo romanzo contemporaneo scritto da questa autrice che adoro.

Non dubito che leggerò anche dei fuori lista storici prima che finisca novembre, ma per adesso mi sento particolarmente ispirata dai romanzi contemporanei.

E voi? C’è qualche romanzo che non vedete l’ora di leggere?
Come sempre, vi auguro buona lettura!

 

 

Sai tenere un segreto?

INFORMAZIONI GENERALICopertina del libro "Sai tenere un segreto?"
– autrice: Sophie Kinsella
– titolo italiano: Sai tenere un segreto?
– titolo originale: Can You Keep a Secret?
– anno di pubblicazione in Italia: 2003
– casa editrice: Mondadori
– collana: Oscar Bestsellers 
scarica l’e-book

TRAMA
Emma Corrigan è una ragazza come tante altre. Conduce una vita senza grandi scosse, lavora come assistente marketing in un’importante multinazionale, ha un boyfriend simpatico, ma in fondo, come tutte, sogna una vita diversa…
Emma ha un terrore folle dell’aereo e quando, nel suo primo viaggio di lavoro, si trova ad affrontare un volo molto turbolento, non riesce assolutamente a stare calma, il panico si impadronisce di lei, ha paura di morire. E così, in preda a un incontrollabile nervosismo, racconta tutto di sé al vicino di posto. Un americano che ascolta divertito tutti i suoi segreti più intimi, fino a destinazione.
Emma, naturalmente, sopravvive e il mattino seguente si reca in ufficio, pronta ad accogliere come tutti gli altri colleghi il famoso fondatore della società per la quale lavora, in visita alla filiale inglese. Quando lui finalmente fa la sua apparizione, riverito da tutti, Emma lo guarda e si accorge con orrore che lui è… l’uomo dell’aereo. E lei gli ha confidato tutto di sé. Con questa dirompente commedia romantica, l’autrice affronta il tema delle relazioni umane e sentimentali. Quanto siamo tenuti a dire di noi a chi amiamo? Cosa può comportare aprirsi a degli estranei?

RECENSIONE
Ho letto Sai tenere un segreto? tutto d’un fiato e mi è piaciuto tantissimo! La scrittura è esuberante, i personaggi sono caratterizzati con accurata vividezza e la trama è intrigante e alquanto spassosa.
La storia d’amore è gradevolmente prevedibile, ma la cosa che più mi ha avvinta di questo romanzo sono stati gli esilaranti e assurdi sproloqui mentali di Emma.
Un’altra cosa che ho apprezzato, e che si nota anche nelle altre opere della Kinsella che ho letto, è che la trama si concentra sulla vita della protagonista nella sua globalità, non solo dunque sull’aspetto sentimentale, ma anche su quello lavorativo e famigliare: questo rende molto reale la voce narrante, la fa diventare quasi una persona in carne e ossa, e mi fa appassionare alla storia senza riserve.
Il personaggio secondario che mi è rimasto più impresso è Jemima, affascinante nel suo essere irriducibilmente e follemente votata alla vendetta.
L’unico problema di questo libro (e in generale di tutti quelli della Kinsella) è che la versione e-book ha l’iperbolico prezzo di quasi otto euro.

GIUDIZIO
9 su 10

La regina della casa

INFORMAZIONI GENERALICopertina del libro "La regina della casa"
– autrice: Sophie Kinsella
– titolo italiano: La regina della casa
– titolo originale: The Undomestic Goddes
– anno di pubblicazione in Italia: 2007
– casa editrice: Oscar Mondadori
– collana: Best Sellers 
scarica l’e-book

TRAMA
A soli ventinove anni Samantha Sweeting è la star di un noto studio legale di Londra. Pochi minuti di una sua consulenza valgono una fortuna. Lavora giorno e notte ed è tutta concentrata sulla carriera.
Ma proprio mentre aspetta con ansia di essere nominata socio si accorge di aver commesso un errore che le costerà il posto. Sconvolta, fugge dall’ufficio e si ritrova in aperta campagna con il cuore in tumulto. Chiede informazioni in una splendida casa e per un malinteso viene scambiata dai proprietari per una delle candidate al posto di governante. E viene assunta, senza che i suoi datori sappiano che Samantha è sì una ragazza dal quoziente intellettuale stratosferico, ma non ha la più pallida idea di cosa significhi tenere in ordine una casa…
Dal talento inimitabile di Sophie Kinsella, una nuova e adorabile commedia romantica: la storia di una ragazza che ha bisogno di rallentare. Di trovare se stessa. Di innamorarsi. Di cominciare finalmente a vivere. E di scoprire a cosa serve un ferro da stiro.

RECENSIONE
In alcuni punti La regina della casa è leggermente inverosimile, ma nell’insieme è un libro molto grazioso: offre spunti per serie riflessioni relative al tipo di vita che la società induce a desiderare e, allo stesso tempo, regala momenti di grande ilarità.
La trama è accattivante e in alcuni passaggi mi sono ritrovata così immersa nella storia da avere il batticuore insieme alla protagonista.
Mi piace il finale proposto dall’autrice: la Kinsella traccia un modello di donna che non si adegua alle scelte della maggioranza, ma che prende decisioni in autonomia e cerca a tutti i costi una propria strada verso la felicità.
I personaggi secondari sono davvero caratteristici, soprattutto la fatua Trish.
L’unico punto del libro che proprio non mi ha convita è stata la scena di sesso nella serra dei lamponi: dopo una bella premessa, è come se la storia fosse stata bruscamente tagliata, considerato che l’intimità tra i protagonisti si esaurisce in una sola riga.

GIUDIZIO
7 e 1/2 su 10

Lezioni di seduzione

INFORMAZIONI GENERALICopertina del libro "Lezioni di seduzione"
– autrice: Bronwyn Scott
– titolo italiano: Lezioni di seduzione
– titolo originale: How to Disgrace a Lady
– primo libro serie The Rakes Beyond Redemption
– anno di pubblicazione in Italia: 2013
– casa editrice: Harlequin Mondadori
– collana: I Grandi Romanzi Storici 
scarica l’e-book

TRAMA
Inghilterra, 1832. Affascinante, spavaldo e squattrinato, Merrick St. Magnus è uno dei più chiacchierati libertini di Londra e, quando il Conte di Folkestone lo sorprende in una situazione compromettente con la figlia, è costretto ad accettare una sfida difficilissima: dovrà rendere Alixe, che preferisce i libri ai saloni da ballo, la fanciulla più ammirata della stagione mondana, in modo che possa trovare un marito adatto. Se invece fallirà, dovrà sposarla! All’inizio i due giovani si oppongono al piano, ma presto le segrete lezioni d’amore che lui le impartisce scuotono le loro certezze. Tutto a un tratto, Alixe non è più tanto sicura di non volersi sposare. E Merrick comincia a chiedersi se il matrimonio sia davvero una trappola da evitare.

RECENSIONE
Ho trovato poco credibile il presupposto su cui si basa la trama, ossia che un genitore trovi la figlia e un libertino in una situazione compromettente e non li costringa a sposarsi senza indugio.
Un’altra cosa che non mi ha convinta è stato che vengono più volte menzionate le ostilità tra Merrick e i suoi famigliari, ma non vengono mai approfondite le ragioni di tali tensioni.
Sono infine troppo scontate sia la gravidanza imprevista sia l’eredità provvidenziale.
Per il resto, la trama è senza infamia e senza lode, ma il vero problema è che né i personaggi né gli avvenimenti sono riusciti a coinvolgermi.
Nonostante tutto, l’autrice ha una scrittura scorrevole.

GIUDIZIO
6 su 10

Ecco i romanzi della serie
RAKES BEYOND REDEMPTION
1. Lezioni di seduzione (How to Disgrace a Lady2012)
2. L’eredità del conte (How to Ruin a Reputation, 2012)
3. Prove di matrimonio (How to Sin Succesfully, 2012)